Buonissimi 2017: a Salerno solidarietà e gusto per la ricerca contro il neuroblastoma

Food Events | 25 giugno 2017 | By

Chi mi conosce e mi segue da tempo saprà perfettamente che la mia professione è quella di ricercatrice, in particolare, mi sono sempre occupata della ricerca contro il cancro, lo studio di nuovi farmaci e terapie. Proprio per questo motivo ci tengo molto a parlarvi di questo Progetto e dell’Evento Food legato allo stesso.

Il neuroblastoma è il tumore pediatrico più diffuso ed è anche quello con il più alto tasso di mortalità. Nel corso degli anni la ricerca ha permesso di sviluppare terapie mirate con lo scopo di trattare pazienti con un neuroblastoma ad alto rischio. Queste terapie hanno determinato un notevole aumento dei tassi di sopravvivenza, che in alcuni casi raggiungono il 46-66%. Nonostante questi recenti progressi, c’è ancora molto da fare: circa il 60% dei bambini con neuroblastoma muore a causa della ricaduta, cioè della ricomparsa della malattia dopo il trattamento. Per questo motivo sono necessari nuovi studi per lo sviluppo di terapie mirate sia contro il tumore che le metastasi causa principale di mortalità.

Proprio da qui nasce il Progetto per aiutare la ricerca nell’Oncologia pediatrica da parte dell’Associazione Open Onlus, presieduta dalla biologa Anna Maria Alfani, nata nel 2003. 

E’ così che nasce “Buonissimi 2017”, serata di beneficenza in programma il prossimo 26 giugno, a partire dalle ore 20, presso la Stazione Marittina di Salerno, che vedrà come ospiti speciali il conduttore radiofonico Pippo Pelo ed il conduttore televisivo Flavio Insinna. Una serata en plein air e non solo, a pochi passi dal mare, con oltre 120 chef, pizzaioli, pasticceri ed aziende di eccellenza, che si sono uniti in nome della solidarietà e dell’altruismo, grazie ad un gruppo di volontari affiatato e capace, coordinato da Paola Pignataro e Silvana Tortorella.

In particolare, con la raccolta fondi che sarà realizzata con Buonissimi 2017, si darà il via ad un lavoro della durata di tre anni, sulla biopsia liquida per la cura dei bambini con neuroblastoma. Il ricavato dell’evento andrà a sostenere il progetto di ricerca legato allo sviluppo della biopsia liquida ed attraverso un prelievo di sangue si potranno identificare le mutazioni che il tumore causa nel DNA: questo tipo di informazioni sono utili per individuare eventuali residui di malattia minima e diagnosticare precocemente possibili recidive

Tutti di grande pregio i rappresentanti del mondo del food, campano e non solo, che hanno scelto di fare la propria parte proponendo una serie di specialità e dando vita ad un percorso culinario unico, variegato e ricercato.

Un appuntamento a cui non potrò mancare in qualità di ricercatrice e foodblogger per sostenere il Progetto e la Ricerca contro il neuroblastoma e per raccontarvi l’evento sia in live sui social che sul blog. 

Vi aspetto numerosi qui alla Stazione Marittima di Salerno, location suggestiva sul Molo Manfredi.

I sostenitori di Buonissimi 2017:

1) Isabella De Cham – 1947 Pizza Fritta, Napoli

2) Valentino Tafuri – Pizzeria 3Voglie, Battipaglia

3) Fratelli Gustiniani – Pizzeria Capatosta, Recale

4) Vincenzo Esposito – Pizzeria Carmnella, Napoli

5) Paolo De Simone – Pizzeria DaZero, Vallo della Lucania, Agropoli, Milano

6) Giuseppe Maglione – Daniele Gourmet “Pizza&Cucina”, Avellino

7) Pasqualino Rossi – Pizzeria Elite, Alvignano

8) Ernesto Palmieri – pizza fritta

9) Francesco Capece – La locanda dei Feudi

10) Luigi Cippitelli – Pizzeria Cippitelli, San Giuseppe Vesuviano

11) Gianfranco Iervolino – Pizzeria Morsi e Rimorsi, Aversa

12) Antonio Langone – Pizzeria Re Denari, Salerno

13) Gennaro Coppeta -Pizzeria Resilienza, Salerno

14) Aniello Masi – Pizzeria ‘O Pazzariello

15) Francesco Marino – Ristorante Celiamix (gluten free), Salerno

16) Sara Palmieri – Senza Glutine (gluten free)

17) Marco Rizzo – Olio Impronta

18) Azienda Agricola Tabano

19) Nicolangelo Marsicani – Olio Marsicani

20) Maria Manuela Russo – Olio Pascà

21) Piero Matarazzo

22) Angelo Blasi – Olio Rodium

23) Olio San Salvatore

24) Maria Provenza – Frantoio Torretta

25) Maria Pia Paragano – Azienda Agricola Paragano

26) Pane, olio e prosciutto by Arienzo (gluten free)

27) Eliseo Marciello – Ristorante L’Agliara (gluten free)

28) Tiziana Rubini – Agriturismo Podere Rega

29) Azienda La Malvizza

30) Azienda Agricolla Angelo Ferrante

31) Bar Emmanuel

32) Luciano Bifulco – Braceria Bifulco

33) Nando Bifulco – Beef Burger

34) Buon Pescato Italiano

35) Gerardo Rizzo – Cacioimpiccato

36) Alfredo Truono – Capramì

37) Angelo Nudo – Carmasciando

38) Salvatore Avallone – Ristorante Cetaria, Baronissi

39) Giovanna Voria – Agriturismo Corbella, Cicerale

40) Crema, formaggi di capra

41) Pasquale Palladino, Deposit0 Ristorante Contemporaneo, Pontecagnano Faiano

42) Antonio Cera, Forno Sammarco, San Marco in Lamis

43) Frantoio Madonna dell’Olivo

44) Il Salumaio – Salumeria & Osteria

45) Il Salumaio

46) Domenico Iavarone – Josè Restaurant

47) Lorenza Riccardi – La cantinella sul mare

48) Alessandro Bernardo – Macelleria e Gastronomia Bernardo dal 1979

49) Marco Caputi, Maeba Restaurant

50) Basilio Avitabile, Masseria Guida

51) Antonio Mollo, Mediterranea Olive

52) Norceria Bianculli

53) Raffaele Bottiglieri, Pane e Prosciutto

54) Massimiliano Malafronte, Panificio Ciro Malafronte

55) Donato Tornillo, Pastificio Azienda Agricola Codella e Agriturismo Valle Ofanto

56) Matteo Accurso e Raffaele Vitale

57) Michele Di Martino, Ristorante 360 Lounge Bar

58) Gennaro Marciante, Ristorante Acquapazza, Cetara

59) Pasquale Torrente, Ristorante Al Convento, Cetara

60) Michele Mazzola, Ristorante Blu Water

61) Angelo Carrannante, Ristorante Caracol

62) Sakai Fumiko, Ristorante Casa Mele

63) Gioacchino Attianese – Casa Rispoli, Cava de’Tirreni

64) Ornella De Felice, Ristorante Coromandel

65) Matteo Ragone – Ristorante del Golfo, Salerno

66) Nando Melielo – Ristorante Emozionando, Salerno

67) Riccardo Faggiano – Evù Ristorante, Vietri sul mare

68) Giovanni Sorrentino – Ristorante Gerani

69) Giovanni Vanacore – Ristorante Gran Gusto

70) Maria Rina – Ristorante Il Ghiottone, Policastro Bussentino

71) Claudio Russo – Ristorante Il Pacchero

72) Cristoph Bob – Ristorante Il refettorio, Conca dei Marini

73) Michele Grande – Ristorante La Bifora

74) Vincenzo Esposito – Ristorante Li Galli

75) Gennaro Vitale – Osteria Al Paese, Nocera

76) Domenico Vicinanza – Osteria del Taglio, Salerno

77) Pasquale Vitale – Ristorante Pascalò, Vietri sul mare

78) Marco Pollio – Ristorante Pasta e…

79) Antonio Petrone – Ristorante Pensando a te, Baronissi

80) Giacomo De Simone – Ristorante Punta Scutolo

81) Stefano Mazzoni – Ristorante Rendez Vous

82) Giuseppe Tuosto – Sushi Bar Me Geisha

83) Marco Del Sorbo – Ristorante Terrazza Marziale

84) Alfonsina Longobardi – Ristorante Tra cielo e mare

85) Matteo Sangiovanni – Ristorante Tre Olivi, Paestum

86) Faby Scarica – Villa Chiara Orto&Cucina

87) Giovanni Pinto – Ristorante Villa Gloria

88) Angelo Borghese – Ristorante Vinile, Salerno

89) Carmine Sedino – Vecchie Carceri Trattoria Contemporanea

90) Giuseppe Guida – Antica Osteria Nonna Rosa, Vico Equense

91) Alberto Annarumma – Ristorante Casa del nonno 13, Mercato San Severino

92) Giuseppe Aversa – Ristorante Il Buco

93) Silvia Baracchi – Ristorante Il Falconiere

94) Giovanni De Vivo – Ristorante Il Mosaico

95) Vincenzo Guarino – Ristorante Il Pievano

96) Peppe Stanzione – Ristorante Le Trabe, Capaccio

97) Vitantonio Lombardo – Locanda Severino, Caggiano

98) Salvatore La Ragione – Ristorante Mammà

99) Paolo Barrale – Ristorante Marennà, Sorbo Serpico

100) Cristian Torsiello – Osteria Arbustico, Valva

101) Lino Scarallo – Palazzo Petrucci, Napoli

102) Luigi Salomone – Piazzetta Milù, Castellammare di Stabia

103) Paolo Gramaglia – Ristorante President, Pompei

104) Ristorante Hackert, Caserta

104) Gennaro Esposito – Torre del Saracino, Vico Equense

105) Alma De Lux

106) Antonio Maresca

107) Pasticceria Romolo, Salerno

108) Grazia Citro – Citrus Gelateria, Battipaglia

109) Enzo Crivella – Gelateria Crivella, Sapri

110) Emilio Panzardi – Gelateria Emilio

111) Claudia Deb – Gioielli Golosi

112) Gianluca Russo – Maurizio Russo Liquori

113) Mr. Whippy Di Prisco

114) Ortofresco Sabatino

115) Ida D’Amato, Panificio Pietro Menchetti

116) Pasticceria Antica Dolceria Pantaleone, Salerno

117) Pasticceria Alfonso Pepe, Sant’Egidio del Monte Albino

118) Marco Aliberti – Pasticceria Aliberti, Montoro

119) Francesca Arienzo – Pasticceria Arienzo (gluten free)

120) Pasticceria De Vivo, Pompei

121) Pasquale Bevilacqua – Pasticceria Mamma Grazia, Nocera Superiore

123) Maria Acquaviva – Pasticceria Mignon

124) Ciro Scognamillo – Pasticceria Poppella, Napoli

125) Pasticceria Salvatore Capparelli

126) Sabatino Sirica – Pasticceria Sirica, San Giorgio a Cremano

127) Fabio Pesticcio – Ristorante Il Papavero, Eboli

128) Paolo Pedrosi – Zafferano Pedrosi

129) Sabatino Cillo – Braceria

130) Le aziende di Brodo: Maida, Michele Ferrante, De Conciliis, Gioi Cilento

131) Aniello Falanga, Ristorante Pizzeria Haccademia

 

 

E’ possibile acquistare i BIGLIETTI qui:

OPEN Oncologia Pediatrica e Neuroblastoma Onlus: Via Andrea Laurogrotto 19, Salerno – Tel.089 275 0530;

OPEN Oncologia Pediatrica e Neuroblastoma Onlus c/o Ospedale Pausilipon: Via Posillipo, Napoli;

Chicca Collezioni: Piazza Portanova 30-32 – Salerno – Tel: 089 237811;

Daniela Siano: Corso Vittorio Emanuele, 215, Salerno – Tel. 089 254974;

Anaclerico: Corso Vittorio Emanuele, 86, Salerno – Tel. 089 564 7927

Donna Srl: Via Cilento, 15, Salerno – 089 237858

Ottica Emporio Siano: Via del Carmine, 131-133, Salerno – Tel. 089 2576150

Ricciardi Moda: Via Velia, 20, Salerno – Tel. 089 229462

Centro Benessere Spa: Via Atzori, 139, Nocera Inferiore – Tel. 081 517 6663

Diamoci delle arie: Via Abignente, 19, Sarno (SA)

oppure:

Bonifico Bancario (donazione minima 70€)

causale: “Contributo Ricerca Biopsia Liquida”

Conto corrente bancario intestato a Associazione OPEN Onlus

Monte dei Paschi di Siena – Fil. 1 – Corso Vittorio Emanuele – Salerno

IBAN IT50C0103015200000003261242

ed infine:

Botteghino presso la Stazione Marittima:

Via Molo Manfredi, Salerno – la sera del 26 giugno

#buonissimi #nutriamolaricerca

Ufficio Stampa e PR a cura di Rosmarinonews.it

Per ulteriori informazioni, accrediti e/o interviste:

redazione@rosmarinonews.it

Associazione Open Onlus: info@openonlus.org

Organizzazione Buonissimi: info@buonissimi.org

Lassi al mango indiano e Festival dell’Oriente a Napoli

Bevande, Food Events, Travel | 30 settembre 2015 | By

Ciao a tutti!
Di recente sono stata al Festival dell’Oriente a Napoli, un evento dedicato a tutte le culture orientali, dal cibo alle tradizioni, l’artigianato e le danze popolari.
Proprio in questa occasione ho assaggiato questa bevanda tradizionale del Nord dell’India che non avevo ancora mai provato nonostante abbia avuto modo di provare tantissime volte la cucina Indiana che mi piace tantissimo, è una delle mie preferite!
Non potevo quindi non riprodurre questa bevanda che è a base di ingredienti semplici, yogurt, latte e mango e viene servita insieme ai pasti speziati tipici dell’India per il suo potere calmante e sfiammante dello stomaco.
Non vi resta che provare a preparare il Lassi al Mango, il sapore è delizioso, davvero molto delicato ma buono buono!
Vi lascio la ricetta di cui se siete amanti come me del mango non saprete più fare a meno.

INGREDIENTI
(per 400 ml circa di lassi)

  • 1/2 mango maturo
  • 250 ml di latte
  • 1/2 cucchiaio di zucchero semolato
  • 100 gr di yogurt naturale 
  • un cucchiaino di spezie in polvere (la ricetta originale prevede cardamomo in polvere, io ho utilizzato la cannella)

PROCEDIMENTO

  • tagliate a cubetti la polpa di mezzo mango
  • con un mixer ad immersione frullate il mango con il latte, lo yogurt, lo zucchero e le spezie fino ad ottenere un composto omogeneo
  • se il composto dovesse risultare granuloso filtratelo con un colino
  • conservate in frigo per un paio di giorni in una bottiglia di vetro
  • servire freddo

 

Vi lascio qualche foto del Festival dell’Oriente, se avete perso l’opportunità di andarci sappiate che è in preparazione una nuova edizione in giro in tutta Italia.
Vi lascio qualche foto di questo evento coloratissimo di cui mi sono piaciuti molto gli spettacoli, le dimostrazioni tipo quello della cerimonia del tè e il padiglione del Benessere con i massaggi thailandesi e le nuove discipline Yoga.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Cerimonia del tè giapponese 
 

 

 
 
 Massaggio Relax in assenza di gravità
 
Holi Festival Indiano

 

 
 

Terramirabilis: a Mercogliano di Avellino il filone di pane più lungo del mondo

Food Events, Travel | 24 giugno 2015 | By

Oggi voglio raccontarvi di Terramirabilis, un progetto che nasce in Irpinia con l’iniziativa che porta questo nome con l’idea di valorizzare il territorio della provincia Irpina attraverso incontri, manifestazioni, concerti, fiere dei prodotti irpini e campani econ l’ambizione di diventare un appuntamento annuale.
l‘Irpinia è il serbatoio idrico naturale della Campania, uno dei più grandi del Sud, alimenta aquedotti che servono oltre dieci milioni di persone, Terramirabilis accoglie anche l’idea del microcredito per sostenere i giovani per la nascita di start-up a vocazione agricola per lo sviluppo sostenibile e la difesa del territorio.
La prima manifestazione Terramirabilis si è svota dal 19 al 21 Giugno a Mercogliano di Avellino. Mercatini di Campagna Amica di Coldiretti, stands enogastronomici, spettacoli musicali, incontri, trekking e proiezioni cinematografiche sono stati protagonisti nei tre giorni dell’evento.
Sicuramente l’evento più atteso è stato quello del Guiness dei primati per il “filone di pane più lungo del mondo 4,084 km” che è stato vinto il giorno 20 giugno in viale San Modestino nel centro di Mercogliano. A battere il precedente record, detenuto da Barcellona, è stato un gruppo di ragazzi coordinati da Luigi Pagano con l’aiuto di associazioni presenti sul territorio. Nelle associazioni. infatti, sono stati farciti la maggior parte dei filoni di pane preparati dai migliori forni della zona, Capaldo, Il Casale del Principato, Mazz e Panella, Iannaccone, Carnevale, Savelli e tanti altri. Per le farciture, oltre quaranta gusti,  hanno partecipato diversi ristoranti della zona e diverse attività come De Caro, Carrefour, il Gufo, Minù, Civico 12 e la corte dei Filangieri e molti altri.
Verso le ore 20, quando tutti i filoni erano pronti e disposti perfettamente in fila su una lunghissima e tavolata di oltre 4 km, le misurazioni sono cominciate insieme ai giudici e al sindaco Carullo. Alla fine del percorso che partiva da Via Roma per proseguire fino a Viale San Modestino, il notaio ha sancito il record con i giudici, un grande boato per il trionfo di Mercogliano ed il nuovo guiness.

 

 

 

 

 
Tra i gusti dei filoni ho degustato quello con parmigiana e quello con frittata alla cipolla ramata di Montoro. C’era davvero l’imbarazzo della scelta dolci e salati, Nutella, crema di Castagne, kebab, crema di nocciole e fichi, caponata, baccalà, peperoni, pasticcio di carne e tantissimi altri…
 

 

 

Complimenti Mercogliano! Al prossimo Guiness!

 

Assaggi D’Opera, la magia dell’Opera Italiana tra degustazioni stellate e giardini incantati

Oggi voglio raccontarmi di questa favolosa esperienza Food collegata ad un evento esclusivo in omaggio all’Opera Italiana, Assaggi d’Opera, un format innovativo che collega la musica, il cibo ed il green. 
Questo evento in collaborazione con l’Esemble Lirico Italiano si è svolto in tre date ognuna dedicata a dei classici dell’Opera Italiana in combinazione con un menù di sei portate dello Chef Stella Michelin Raffaele Vitale ed un percorso botanico diverso.
Un Barbiere di Siviglia, il primo evento di Aprile con il Menù Figaro, La Cenerentola con il Menù di Dandini a Maggio, ed infine, l’ultimo La Magia dell’Opera con il menù Poutpourri a cui ho partecipato domenica 7 Giugno. Tutti gli eventi si sono svolti in Campania, che da poco si è aggiudicata il titolo di regione Green d’Italia vincendo il premio “Parco Più Bello”.

La location prescelta per queste tre giornate si trova nelle campagne di Battipaglia, una zona famosa sia per le coltivazioni di ortaggi che per la produzione di mozzarella di Bufala Campana, Tenuta Porta di Ferro che con i suoi Giardini fa parte del circuito Grandi Giardini Italiani per Expo 2015. Una tenuta meravigliosa, storica, green, di classe, curata nei dettagli e nello stile, conserva sale e piante d’epoca, tutt’oggi è anche una vera e propria azienda agricola.
La Magia dell’Opera, domenica scorsa, ha accolto tutti i partecipanti con un aperitivo in giardino, seguito da una rappresentazione dell’Opera in una delle sale della Tenuta mettendo in scena il melodramma ottocentesco con un assaggio di Verismo, la Traviata di Giuseppe Verdi con la scena di Alfredo e Violetta e la Boheme di Giacomo Puccini con la scena di Rodolfo e Mimì, entrambe ambientate a Parigi. Non sono una frequentatrice di teatri d’Opera, ma devo ammettere che lo spettacolo mi ha colpito molto ed è stato davvero emozionante…

 

 

 

 

 

 

 
Lo Chef Raffaele Vitale, stella Michelin di Casa del Nonno 13, ha preparato sei degustazioni di piatti a tema, il Menù Potpourri, che è stato accompagnato da ottimi vini dei Feudi e di Donnaluna.
  
Pane Caldo ed insalata di sfilacci bianchi, pomodori secchi e scaglie di cacio
Traviata (involtino di bieta con bianco filante e guanciale)
Mimi (insalata tiepida di gamberi e tentacoli in salsa di limone)
Bohème (carnaroli all’acqua di pomodoro, friggitelli ed alici)

Violetta (fagotto in salsa di cipolla dolce ramata)
Gelati di Gelyada ai gusti dell’orto e dei fiori gelsomino, rosa, finocchio e origano
 La giornata si è conclusa con una passeggiata tra i meravigliosi giardini della tenuta e due chiacchiere a bordo piscina con la bravissima organizzatrice Alice Cavalcoli, che approfitto per ringraziare di cuore per l’invito e l’ottima accoglienza.
______________
_______

In occasione dell’evento ho partecipato al Contest per Food blogger tema “Opera Italiana” con la creazione del dessert Casta DivaIl nome è in onore ad una delle più famose opere Italiane in cui il giovane Vincenzo Bellini si innamora di una ragazza napoletana componendo poi la celebre opera. Il dessert creato infatti racchiude i sapori di una delle opere dolciarie più famose di Napoli, la pastiera, in forma rivisitata. Una fragrante semisfera di meringa avvolge una soffice crema di pastiera al profumo di fior d’arancio, con intermezzi di palline di frolla al burro di bufala e salsa all’arancia con decorazioni al caramello.. 
Siete curiosi di conoscere gli ingredienti? A breve la ricetta!
 
In attesa dei prossimi eventi Food, vi mando tanti baci! 
a presto
Michy

Inaugurazione della Città del Gusto del Gambero Rosso a Salerno

Food Events, Travel | 20 maggio 2015 | By

Chi mi segue da tempo conosce bene la mia passione per il Gambero Rosso, la sua scuola, i programmi televisivi, gli Chef, gli eventi ed i libri.
Finalmente il Gambero è arrivato anche a Salerno, a pochissimi km dalla mia città, e nel giorno della sua nascita già ha fatto il botto! Un grandissimo successo per la serata inaugurale della seconda Città del Gusto in Campania, dopo quella di Nola, il Gambero Rosso decide di aprire la sua scuola a Salerno, nella zona industriale.
Lo scorso sabato sera centanaia di persone hanno partecipato all’evento, un vero e proprio party in stile Gambero Rosso in una location moderna e di tendenza. Una grande festa dove, in degustazione, i protagonisti sono stati i migliori vini che
hanno ottenuto il riconoscimento Tre Bicchieri sulla guida Vini d’Italia
di Gambero Rosso, serviti dai maestri sommelier, una
Drink Experience degustativa davvero unica. In abbinamento l’arte del gusto
‘Pret a Manger’ ha deliziato gli ospiti attraverso finger food d’autore realizzati dagli chef di
Città del Gusto, insieme a degustazione di grandi pani, lievitati e
pizze d’autore create dai migliori maestri pizzaioli, di formaggi e mozzarelle di Bufala. Ad accompagnare l’inaugurazione sono state le grandi suggestioni
musicali dal vivo
dei Dj di Lunare Project di Radio YACHT Sunsation, la
radio internazionale con sede a Capri e a Sidney.
Le eccellenze campane sono state protagoniste di una serata all’insegna
del gusto, della qualità e del glamour negli innovativi e
raffinati spazi della Città del Gusto Salerno che si caratterizza per l’eleganza nel design della struttura e l’arredo. Più di 500 mq tra vetro, gres, parquet, legno e tanto bianco. I banchi sono in Olite, un prodotto unico resistentissimo all’usura i materiali che combinano quarzo, resina e pigmenti naturali. Alla tecnologia firmata Asko, Kenwood e Liebherr si affiancano alle pareti le suggestive e tradizionali piastrelle in ceramica vietrese dell’antica azienda Solimene.
Proprio in queste cucine durante la serata ottanta ospiti hanno avuto la possibilità di
fare un mini corso con Antonio di Fede, Chef di chiara fama, che curerà
tutti gli appuntamenti amatoriali che si susseguiranno nei prossimi
giorni nella scuola. Tra gli ospiti invitati tantissimi professionisti del settore, tra cui il pasticciere tre torte Pietro Macellaro e la finalista di Master Chef Amelia Falco.

La degustazione dei vini è stata davvero grandiosa, pensate ad una selezioni di vini campani che hanno ricevuto il riconoscimento “Tre bicchieri”, immaginate cosa abbiamo degustato! Tra questi barone Pizzini Franciacorta Brut Animante, Il Pecorino DOCG Villa Angela Offida, Antonio Caggiano Fiano di Avellino, Falanghina del Sannio Cautiero, Tenuta Russo Bruno Greco di Tufo, Bianco Costa d’Amalfi di Raffaele Palma, Fieno di Ponza Bianco Antiche Cantine Migliaccio, Rosso Montevetrano Colli di Salerno, Campi Taurasini De Gaeta e tanti altri…

La degustazione degli Chef è partita con i Maestri Panificatori della Città del Gusto che ci han preparato il Pane al Carbone Vegetale, ottimo alimento con proprietà curative, il Pane alle noci cilentane, il pane alle olive nere di Gaeta, Focaccia con sugna di maiale nero Casertano con pomodorini del piennolo del Vesuvio DOP. focaccia marinara con pomodorini del piennolo, focaccia ripiena con scarola e pecorino di Laticauda, Focaccia di mozzarella di Bufala campana DOP. A seguire la degustazione di formaggi a cura della Taverna Penta con bocconcini, treccia e ricottine di Bufala DOP.
Tra una degustazione di vino e l’altra gli Chef della Città del Gusto hanno proposto tanti piatti d’autore in versione finger food, tra questi i Chupa Chups di parmigiana di melanzane su salsa San Marzano DOP, Bulgur con verdurine croccanti e filetti di mandorle tostate, Straccetti di spalla di maiale speziata con insalata di cavolo rosso e yogurt greco, Crudo-cotto di tonno al sesamo su spinanicini con aceto di lamponi, caponatina ai sapori mediterranei con alici di Cetara. Il mio preferito sicuramente il Tonno, fenomenale, non ho avuto tempo di fotografarlo e ho fatto perfino il bis!

Tra un piatto ed un calice di vino, siamo andati a visitare le cucine, curiosissima di vedere le nuove dopo quelle di Napoli, mi ritrovo in un ambiente davvero moderno ed alternativo, un lungo corridoio ci porta alle aule cucina, le principali poste l’una difronte all’altro, totalmente open space e racchiuse da vetrate trasparenti. Mi colpiscono i banchi da lavoro bianchi, le luci ed faretti che rendono l’aula molto luminosa, e le piastrelle di ceramica di Vietri che decorano le pareti principali, adorabili! 
Nelle aule si sono tenuti i primi corsi, in contemporanea all’inaugurazione, ospite in cucina la bravissima Amelia Falco, finalista di Master Chef 2015.
La serata è proseguita all’insegna della musica disco e degli ottimi cocktail del Barman Pierpaolo Porzio.

La nuova Città del Gusto di Salerno ci ha salutati, con una torta classica con crema chantilly, limone e fragoline di bosco, ricordando a tutti che sono attivi già da maggio tantissimi corsi amatoriali, professionali. In programma eventi, show cooking e cene di gala! impossibile resistere!

Ringrazio il Gambero Rosso per avermi invitata all’evento e ringrazio gli organizzatori per la magnifica serata tra chef, musica e ottimo cibo!
A presto!
Michy

Una giornata con Ford agli Internazionali di Tennis d’Italia BNL 2015

Ciao a tutti!

Oggi vi racconto la mia fantastica esperienza nel mondo del tennis! Vi chiederete come mai mi occupo di tennis in questo blog. Tutto merito di Ford Italia, partner ufficiale degli Internazionali di Tennis 2015 al Foro Italico di Roma.
“Sei tu a condurre la Partita” è stato lo sponsor che ha accompagnato tutti gli utenti della 72esima edizione degli Internazionali di Tennis BNL 2015 mediante il sito www.myfordtennis.it mostrando gli spazi del Foro Italico, compresi quelli calcati dagli atleti in modalità Google Street View.
#MyFordTennis, hashtag ufficiale di Ford, ha coinvolto il mondo dei social network durante i vari eventi organizzati da Ford nella social HUB, struttura che ha ospitato un vero e proprio social Lab dove addetti ai lavori, blogger, influencer e manager hanno tenuto viva la conversazione sul più importante evento tennistico italiano. Nell’ambito di questi eventi  Ford ha coinvolto me ed altri Food Blogger per tutta la giornata del 13 Maggio, consentendomi di partecipare attivamente a tutte le gare di tennis in corso e all’evento Food pomeridiano nel social Lab.
Molto carina l’iniziativa del Racchetta Selfie “entra in campo con un selfie”, un selfie scattato con un tablet collegato alla racchetta in cui era possibile scrivere ogni tipo di messaggio ed inviarlo direttamente sul web. Racchetta Selfie ha fotografato tantissimi partecipanti in giro per il Foro, anche personaggi famosi… tra cui la sottoscritta 😉

 
  
Food Bloggers ospiti di MyFordTennis

 
Vi lascio gli scatti rubati durante il Social Lab Ford, il collegamento con Sky per raccontare l’esperienza di Ford con Masterchef e con Sonia Peronaci di Giallo Zafferano con cui Ford ha svolto un progetto Food molto carino con Ford che presto vedrete sul Web! 
 

 

 

 

 
 
ed infine alcuni scatti in giro nel Foro Italico, durante le gare principali di Tennis del 13 Maggio!
Uno spettacolo bellissimo ed emozionante dagli spalti del Campo centrale… 
 

 

 

 

 

 

Nadal in campo
 

 

Infine gli incontri ravvicinati con Gene Gnocchi e Dolcenera durante l’Altro TG degli Internazionali 

 

 
grazie a tutti gli organizzatori della Ford e alla fantastica ospitalità che ho ricevuto!
a presto 
Michy

 

Torte in Fiera a Sud con Gusto, Fiera delle eccellenze agroalimentari del Mezzogiorno d’Italia

Food Events | 22 marzo 2015 | By

Ciao a tutti!
Ad Ariano Irpino, presso il centro Fiere della Campania è in corso la fiera Sud con Gusto, l’evento fieristico di rilevanza nazionale dedicato alle eccellenze del comparto agro-alimentare del Mezzogiorno d’Italia, oggi è l’ultima giornata a cui è possibile partecipare con ingresso gratuito fino alle ore 21,00. Sono presenti espositori provenienti da tutto il territorio nazionale e soprattutto dalle regioni del Sud Italia, che metteranno in mostra produzioni tipiche appartenenti ai più diversi settori, dalle carni, ai formaggi, ai vini, alle birre artigianali, fino alle conserve e ai dolci. Inoltre la novità di quest’anno riguarda la zona dello Street Food Festival con tanti stands dedicati al cibo da strada della tradizione del sud Italia. La manifestazione prevede specifici laboratori di degustazione, aree destinate all’assaggio e alla vendita dei prodotti tipici, conferenze, dibattiti, workshop, showcooking, dimostrazioni di lavorazione dei prodotti ed esibizioni di Cake Design. Per info visitare il sito http://www.fiereecongressi.eu/sudcongusto/fiere/sudcongusto/visitare/index.html

 

In questo articolo infatti vi mostrerò la gara di torte dell’evento Torte in Fiera, aperto a chiunque abbia la passione del Cake Design e delle torte decorate, bella ma buone, poichè il concorso ha previsto oltre all’esposizione anche l’assaggio di ogni torta in gara da parte di una giuria competente. L’evento è stato organizzato dall’Associazione Artistica e Culturale Musarte e da Will Creative Company. I temi delle Torte di gara erano: Wedding, Party e Baby
Le partecipanti alla gara erano tutte donne giovani e mamme che hanno mostrato le loro capacità sfoggiando torte di diverso tipo e livello di bravura. Non potevo mancare assolutamente ad un evento di Cake Design in Irpinia!

 

Dopo l’assaggio dei giurati le torte vincitrici che salgono sul podio sono state rispettivamente:
1. Alessandra Lanno con la sua torta dedicata ai Dolci del Sud
2. Stefania Cappuccio con la torta Circo

3. Assuntina de Gruttola con la torta dedicata a Masha e l’Orso

Complimenti a tutte e alle premiate!
Vi lascio alcune foto della fiera che ho trovato abbastanza interessante per alcuni prodotti tra cui i dolci pugliesi, i formaggi molisani, liquori cilentani ed alcuni cosmetici con latte d’asina. 
Spero che la Fiera diventi ancora più grande e ci siano più stands irpini nella prossima edizione.

Alla prossimo evento!
Michy

 
 

Inaugurazione di “Eccellenze Campane” a Napoli: Eccellenze oltre la Terra dei Fuochi

Food Events, Travel | 22 gennaio 2014 | By

 

Il 16 Gennaio in via Brin, 69 sono stata invitata
all’inaugurazione di Eccellenze Campane.
Dopo il taglio del nastro Luigi De Magistris sindaco di Napoli inaugura l’apertura di Eccellenze Campane, il polo dedicato alle eccellenze agro-alimentari della Campania realizzato grazie all’impegno dell’imprenditore Paolo Scudieri.
Come Lui stesso ci racconta “Eccellenze Campane rappresenta la realizzazione di un piccolo sogno per contribuire alla valorizzazione del tesoro più prezioso della nostra terra, la filiera agroalimentare, una scommessa che porterà risvolti positivi per l’occupazione sia per l’immagine internazionale della Campania. Eccellenze Campane guarda oltre la terra dei fuochi e porta in primo piano le produzioni di qualità che tutto il mondo ci invidia e che possono rappresentare un punto di rilancio economico per la regione”.
Il talk show di apertura “L’eccellenza oltre la Terra dei Fuochi” ha visto la partecipazione anche di Stefano Caldoro, Luigi de Magistris, Giorgio Calabrese, un grande esperto di nutrizione e salute ed infine Nunzia de Girolamo, ministro delle politiche agricole.

Cominciamo a conoscere Eccellenze: laboratori di gusto, tradizioni e sapori della Campania.




Cosa è Eccellenze Campane?
E’ un  polo gastronomico innovativo che si estende su una superficie di 2000 mq destinato alla produzione, commercializzazione e somministrazione dei prodotti agroalimentari Campani di eccellenza direttamente “dal produttore al consumatore”.

Dove si trova ?
in Via Benedetto Brin 69, nei pressi del Parcheggio Brin

Come si arriva?

da Piazza Garibaldi in taxi in 5 minuti
o  in bus con il n.192 e n.116 più un tratto di cammino a piedi

Quali sono gli orari di apertura?
– dal lunedì alla domenica, tranne il sabato, dalle 07.00* alle 24.00 (il sabato fino alle 02.00)
 – dalle 07.00 tutti i giorni è aperta solo l’area bar/pasticceria

Come è strutturata?

 

 

vi mostro la mappa presa dal giornale dell’inaugurazione

 

 

 

La struttura ospita nel suo interno ben 16 aziende (di cui 8 aree di produzione e 2 ristoranti) che mostrano al pubblico ogni fase del progetto produttivo:

  1. Panificio
  2. Birrificio
  3. Pastificio
  4. Caseificio
  5. Torrefazione
  6. Pasticceria
  7. Cioccolateria
  8. Gelateria

Nell’area è presente anche l’Aula Magna che sarà sede di corsi di cucina, didattica, degustazioni e congressi, molto carina ma non eccessivamente grande.

inoltre è presente l’Area Mercato dove è possibile acquistare prodotti confezionati come in un supermercato.

sono presenti diverse Aree Ristoro con tavoli e sedie completamente libere (150 posti a sedere totali)




Ma passiamo al fulcro vitale di Eccellenze e partiamo con il tour fotografico di ciò che troverete durante la vostra visita.
Vi premetto che è stata veramente dura girare e fotografare tutte le aree di degustazione e ristorazione durante l’inaugurazione, dovevo degustare tra tantissima gente e fotografare anche… ma sapete che i foodbloggers non si arrendono mai e sono pronti a tutto!

1. La cucina marinara-lubrense di Maria Aprea (Ristorante la Torre di Massa Lubrense) 
 in cui ho avuto la possibilità di assaggiare un ottima caponata fresca con scarola e la parmigiana, la cucina è a vista ! La cuoca Maria utilizza solo pesce fresco della penisola sorrentina, i formaggi dei monti lattari, la pasta di gragnano ed i limoni di Sorrento.


2. ‘E maccarune ‘e Napule
pastificio di Alessandro e luca Sicignano “E Sarracin Srl” con sede a Gragnano, un vero e proprio laboratorio di produzione da eccellenze, dove potrete ammirare le varie fasi di preparazione. Bassa temperatura di essiccazione e trafilatura al bronzo sono le due regole principali per ottenere una pasta eccellente

 

3. ‘A Furnacella
dove si cucina Carne alla brace e non solo…

4. Caseificio con latte di Bufala di Roberto Battaglia
azienda con sede a Capua, da tempo in lotta contro la camorra Roberto Battaglia spiega che il latte arriva da allevamenti controllati e situati in una zona sana e libera da ogni inquinamento. Il caseificio di Battaglia trasforma ogni giorno dai 10 ai 20 quintali di latte di bufala in mozzarelle, ricotta, caciocavalli e scamorza di bufala. 

 

 

5. O Canteneriere
enoteca con vasta scelta di vini alla spina o imbottigliati, tutti made in Campania



6. O Casadduoglio
salumeria dove potrete trovare salumi di ogni tipo ed anche le famose frittole di maiale

 

7. Antico Forno Napoletano
di Pietro Baino e Pasquale Esposito con sede in Casoria specializzati nella produzione di taralli napoletani con mandorla, biscotti, nel pane cafone e pizze (“solo a lui è consentito di esserlo”)




8. ‘A Chianca
produce e vende carni di  prima scelta di PeRol Carni di orgine campana di prima scelta e collabora con il dipartimento di Medicina Veterinaria della Federico II di Napoli

9. L’antica tradizione della taverna di mastro Luciano di Meo
per fare un viaggio negli antichi sapori, dalla minestra ammaritata al ragù nella sua masseria ci sono 20 ettari di oliveti e vigneti da cui si producono vini destinati agli ospiti della sua taverna
a Ruviano (Caserta)

 

 

adesso arriva la parte più golosa quella che mi ha intrattenuto di più per le degustazioni…
Chi non conosce Gay- Odin?

10. Antica fabbrica di cioccolato Gay Odin
fondata dal piemontese Isidoro Odin a fine dell’800, dal 1993 è monumento nazionale poichè la manifattura della cioccolata avviene con machine d’epoca perfettamente funzionanti insieme a macchinari moderni. Gay- Odin è famoso per i suoi cioccolatini di mille gusti e forme,  per la famosa cioccolata “foresta nera” a forma di Vesuvio e di recente per i suoi ottimi gelati, una delizia per gli occhi e per il palato.

 

 

Ma dulcis in furno, delizia delle delizie arrivo nella
Pasticceria di Pasquale Marigliano (11), le dolcezze che ti prendono per la gola…
 Il campione di Pasticceria Italiano che lo porta giovanissimo a Parigi ha questo slogan carinissimo nel suo angolo dolce:
c’è una riccia che mi frolla nella testa
  qui le degustazioni erano innumerevoli, dai babà, ai cannoli, dolcetti, torte e profiterols alla nocciola, una goduria di freschezza e bontà… davero ottime!

12. ‘e brustuliature ‘e caffè Kenon
della famiglia kenon che inizia la torrefazione del caffè a Napoli nel 1892




13. L’arte della Friggitoria del maestro Antonio Tubelli
che ha la sua bottega Timpani e Tempure a du passi da Piazza Dante a napoli dove prepara Timpani o Timballi e Tempure o Fritture di tradizione napoletana doc.
peccato che non ci sono state degustazioni, speriamo di provare qualcosa la prossima volta!

14. ‘O Pizzaiuolo di Guglielmo Vuolo
da quarant’anni maestro dell’arte della Pizza nella sua storica pizzeria di Casalnuovo.
Tra le sue pizze che spero di assaggiare in futuro troviamo quella con i pomodorini del Piennolo vesuviani, mozzarella di bufala, fiordilatte di Agerola, gli scugnizzielli bastonicini di pasta di pizza fritti e conditi con pomodorini, pesto e ricotta, tutto a lievitazione naturale 

15. ‘O Panuozzo dell’antica Panuozzeria 
dei Fratelli Manzi di Gragnano
a base di pasta di pizza lungo circa 25-30 cm e ripieno di prodotti freschi conditi al momento.

 

 

 

infine andiamo a tutta birra con

 

16. Maneba, Birra Artigianale
di Nello Marciano che ha iniziato a produrre birra a casa per gli amici e nel 2008 a Striano nasce la sua birra Maneba ad alta fermentazione non filtrata con tre tipi dibirra in bottiglia, L’Oro di Napoli, Vesuvia e Clelia

 
 
 
 
 
 
 

 

qui finisce il nostro percorso enogastronomico,
avete visto quante Eccellenze abbiamo in Campania? 

Ringrazio l’organizzazione di Eccellenze per avermi invitato all’inaugurazione e di avermi fatto vivere un’altra delle mie esperienze di tour enogastronomici nella mia terra!
per ulteriori info visitate il sito http://www.eccellenzecampane.it/

a prestissimo
Michy

 

Il panettone artigianale a lievitazione naturale di Pietro Macellaro,una serata da Botteghelle65

Salve a tutti!
Dicembre è il mese più bello in assoluto per chi ama stare in cucina e soprattutto per chi ama fare dolci… e quale è il dolce dei dolci di Natale più difficile da preparare in casa?
Il classico Panettone Milanese, il più temuto dalle massaie che non si cimentano facilmente nella preparazione perchè lunga e complicata…
Appena ricevuto l’invito dell’evento del Maestro Pasticciere Pietro Macellaro sul Panettone a lievitazione naturale con relativa degustazione non ho esitato nemmeno un secondo a prenotare. L’evento si è tenuto a Novembre da Botteghelle65, una splendida salumeria storica nel cuore di Salerno, zona Duomo, che di recente si è trasformata anche in una tasting room con zona free wifi dove potrete gustare in un atmosfera davvero carina salumi, formaggi, cibi e vini selezionati dal titolare Pino Adinolfi. Pino rivende una vasta gamma di prodotti cilentani ed irpini nonchè prodotti di nicchia della nostra regione valorizzando i prodotturi ed il territorio locale. Consiglio vivamente di trascorrere almeno una serata da Botteghelle65, Pino saprà consigliarvi il meglio….
 
Tornando all’evento… parliamo di Pietro Macellaro, un pasticciere che seguo da molto tempo in quanto adoro la sua filosofia nell’ambito della pasticceria, infatti Pietro non ha un classico laboratorio di pasticceria ma uno di Pasticceria Agricola Cilentana con annessi ettari di terra dove coltiva i suoi prodotti. La Pasticceria si trova esattamente nel cuore del Cilento a Piaggine, Valle dell’Angelo, zona incontaminata e preservata.
 Nasce infatti nel cuore del Cilento, da una tradizione familiare iniziata con il Nonno Pietro, l’Azienda Agricola Pietro Macellaro.
Profumi e sapori che provengono da un territorio unico, materie prime
nate da antiche varietà frutticole e orticole recuperate intorno al
Massiccio del Monte Cervati e coltivate nei frutteti aziendali con
tecniche di coltivazione biologiche, selezionate e sapientemente
lavorate dalle mani abili del giovane pasticciere Pietro Macellaro, che le trasforma in dolci
unici e sorprendenti con abbinamenti insoliti, ricerca della qualità e riscoperta degli antichi
sapori trasformando le sue creazioni in vere opere d’arte, dai panettoni ai dolci monoporzione, dalle conserve ai biscotti…
Per ulteriori info visitate il sito di Pietro al seguente link
http://www.pietromacellaro.it/ 
 
Pietro di recente ha avuto il riconoscimento di tre torte su Paticcieri e Pasticcerie d’Italia
del Gambero Rosso edizione 2014.
Pietro è noto per i suoi favolosi panettoni a lievitazione naturale, tutti particolari per le combinazioni di gusto ed ingredienti selezionati (http://pietromacellaro.it/shop/index.php?main_page=index&cPath=68) preparati con burro di bufala e con i prodotti tipici cilentani della sua terra, come i fichi e le melanzane, che coltiva con amore, cura e passione.
Durante la serata che vi illustrerò Pietro ci ha spiegato le sue tecniche di lievitazione naturale, mostrandoci come mantenere attivo il lievito naturale ed illustrandoci come avviene la lunga catena di produzione dei suoi eccellenti panettoni che ho avuto l’onore di degustare durante l’evento.
 
 
 

 

 

 

Il lievito madre di Pietro Macellaro pronto per la produzione 
 

 

 

 

 

 

 

 
 
 La consegna del lievito a Pino
 

 

 

 

 
Uno dei momenti più belli, la degustazione dei panettoni: classico, melanzane al cioccolato e peperoncino e cioccolato fondente, buonissimi!
Il mio preferito? peperoncino e cioccolato fondente 🙂
 

 

 

 
 
 

 

 
Grazie a Pietro per la sua disponibilità e il suo workshop sul Panettone, la sua dispensa con la relativa ricetta che, audacemente, ho provato proprio domenica scorsa. Il risultato è stato abbastanza soddisfacente ma migliorabile in fatto di alveolatura della pasta, il sapore ottimo.
Grazie a Pino Adinolfi per la sua ospitalità e cortesia in Botteghelle65 a Salerno.
 
Vi saluto con la foto del panettone a lievitazione naturale, in seguito vi mostrerò gli altri risultati…
stay tuned!
Michy
 
 
 
 
 
 

Fotogirando tra i Mercatini di Natale in Campania

 

Chi l’ha detto che i migliori mercatini di Natale si trovano solo nel nord Italia?
Anche al sud ed in particolare in Campania la tradizione natalizia si fà sentire con diversi mercatini e luogi da visitare durante le feste natalizie!
Quest’anno ho deciso di girare un pò nelle città più vicine ad Avellino e godermi l’atmosfera natalizia passeggiando tra le luci, i negozi ed i mercatini più caratteristici.
Questo post è intitolato “Fotogirando” perchè io amo girare con la mia fotocamera Canon compatta sempre pronta nella borsa per cogliere il meglio delle mie passeggiate.
Pronti al fototour Natalizio?
 
Cominciamo dalla mia città Avellino. Quest’anno potete trovare sia i mercatini natalizi, in formato ridotto rispetto allo scorso anno, in corso Vittorio Emanuele, tra la Villa Comunale e la zona del Cinema Eliseo, con annessa pista di pattinaggio su ghiaccio, sia la manifestazione Terre dell’associazione Donne in Campo e del Ministero dei Beni Culturali che si svolge al carcere Borbonico dall’8 al 22 dicembre dedicata completamente ai prodotti della nostra terra, l’Irpinia, che potrete trovare tutti i giorni scegliendo tra frutta e verdura tipica, castagne e nocciole, miele, confetture… ovviamente tutto made in Irpinia !
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Passiamo ad una città che amo tantissimo, Salerno che da vari anni si veste a festa con Le Luci d’Artista, meravigliose creazioni di luci che riempiono il Corso Garibaldi e la parte storica della città i Mercanti, la villa comunale e le piazzette. Vale la pena fare almeno una passaggiata prima di Natale, l’atmosfera di festa e lo spettacolo luminoso sono assicurati!
Luci d’Artista, Salerno
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 I mercatini di Natale di Salerno, zona Lungomare 
partono da piazza della Concordia ed arrivano quasi fino a Via Roma.
Potete trovare prodotti caratteristici tipici dei mercatini di Natale e da ogni parte d’Italia.
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 Infine un itinerario consigliatissimo e molto carateristico è quello di San Gregorio Armeno a Napoli, zona Tribunali in cui potrete gustare un’ottima pizza e godervi le famose stradine dei presepi, artigiani storici vi mostreranno delle vere opere d’arte, statuine, presepi, carta pesta, cornetti vari e luci.. vi perderete folk e storia, tradizione e cucina napoletana, struffoli, croccante, pastiere, sfogliatelle e la vera pizza quella Napoletana! Vi consiglio da Michele, Sorbillo, di Matteo o dal Presidente, tutte ottime pizze! l’itinerario può proseguire fino a Piazza del Gesù salendo poi per via Toledo e proseguendo per Piazza Plebiscito, nella Galleria troverete anche un simpatico albero dei desideri dove mettere il vostro scritto su un semplice foglietto.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

 

 
 
Che dire…  in una terra ricca di tradizioni e delizie è impossibile non godersi il Natale!
Ho creato questo piccolo fotoracconto perchè amo la mia terra e credo che valga la pena valorizzare la sua ricchezza in tradizioni, cibo e cultura…
a prestissimo
Michy
 
 

Terredavino: La Luna tra le stelle a Napoli

Food Events, Travel | 29 novembre 2013 | By

“La Luna, disse Nuto, bisogna crederci per forza. Perfino gli innesti, se non si fanno ai primi giorni della luna, non attaccano”.
Con questa frase il benvenuto all’evento di Terredavino, a cui ho partecipato come blogger, a Napoli il 25 Novembre a Villa D’Angelo Santa Caterina.
Per chi non conosce ancora questa azienda agricola, Terredavino è una azienda vinicola del Cunese, precisamente del Barolo.  5000 ettari di vigneto coltivati da 2800 viticoltori producono una vasta gamma di vini di livello alto ed alcuni di nicchia. la loro filosofia: solo vini del Piemonte, solo vicini DOC e DOCG.
Le uve delle aziende più piccole riportano etichette con titoli delle opere di Cesare Pavese e Beppe Fenoglio, da questo il titolo dell’evento dedicato al vino “La Luna e i falò”, un ottimo Barbera d’asti superiore DOCG.
 
 
 
Vi lascio al fotoracconto della splendida serata che ho trascorso in compagnia della mia amica blogger Ramona Pizzano di Farina Lievito e Fantasia e dell’accoglienza di Carlo Vischi.
 
La serata si è svolta all’insegna delle degustazioni di 5 menù preparati da Chef Stellati, tra questi Chef Giovanni Morra e Angelo Falanga di Villa Caterina, Chef Giuseppe Stanzione di Paestum, Chef Pasquale Palamaro di Ischia, Chef Alfonso Caputo di Massa Lubrense ed infine lo Chef Bolognese Agostino Iacobucci
Complimenti a tutti per i loro piatti di cui potrete putroppo solo ammirarne la presentazione nelle foto che seguono.
 
 
 

 

 

 
 
 Una delle degustazioni che più mi ha entusiasmata per l’abbinamento e per la novità, 
i macarons al pistacchio e mortadella
 

 

 
 
 
 

 

 
Il mio piatto preferito della serata, lo gnocco cremoso di latte di bufala con spremuta di pomodorini e panzanella mediterranea
Ottimo anche il pacchero con ricotta di bufala e verdurine degli Chefs di Villa d’angelo,
 i padroni di casa

 

Durante le degustazioni abbiamo assaggiato tantissimi vini della cantina Barolo di Terredavino, in particolare ho degustato il Vallerenza Brut, uno Chardonnay 100% del Monferrato ed un savignon Chardonnay Tra Donne Sole, tutti ottimi!

 

 
 Non sono mancate le degustazioni di prodotti dell’azienda Agrimontana di Cuneo, tra cui il fico del cilento  e le cioccolate Domori
 

 

 

 
Infine un salto in cucina per ammirare il duro lavoro degli Chefs e degli aiuto Chef 🙂

 

 

 
 
Grazie a tutti gli Chefs in foto che hanno deliziato la nostra serata in compagnia di ottimi vini …

 

 
…e grazie a Ramona Pizzano ed Evelina Bruno con cui ho trascorso una splendida serata in allegria.
 
 
Grazie a Terredavino per il gradito regalo e per la splendida serata a cui ci ha invitati.

 

 

 

The Cake Show 2013: il favoloso Show del Cake Design a Bologna

Ciao zuccherosi !
In questo post vi racconto il mio week end a Bologna al The Cake Show, una giornata trascorsa tra artisti dello zucchero e veri e propri teatri di Bakery e Sugar art, gare in diretta, demo, corsi ed esposizioni di torte in pasta di zucchero per tutti i gusti!
 

Ringrazio Maison Madeleine per questa opportunità di visitare la fiera come addetto stampa per l’articolo sul blog.Vi lascio al fotoracconto… enjoy the sugar world!

Sabato 16 Novembre, sveglia all’alba, partenza da Salerno ore 6.55, arrivo a Bologna alle 11,00… si scappa alla fiera con il primo bus utile in compagnia del mio assistente del cuore 😉 
 
Con vero piacere scopriamo all’entrata che il Cake Show collabora con la grandissima manifestazione il Mondo Creativo e Model Game, quindi essendo una creativa di natura ho pensato: oggi TRITTICO DI CREATIVITA’ e accontentiamo anche il mio accompagnatore :))!
 

 

 
Ritiro il mio badge all’entrata ed il viaggio nel magia dello zucchero e del mondo creativo comincia senza sosta…
 
La terza edizione del Cake Show si è ispirata al magico mondo di Disneyland Paris, in particolar modo due competizioni si sono ispirate a questo tema:
– La Live Competion a squadre
– La gara di torte esposte Lost in Sugarland
 
Tra gli eventi più interessanti completamente aperti al pubblico troviamo il Teatro Pastry e Bakery di cui ho seguito volentieri quello del famoso pasticciere Lanlard con i suoi dolci al cioccolato
 

 

 

Tra il programma di Sugarcraft Teatre ho seguito con estremo piacere ed ammirazione quello tenuto dalla grandissima Maggie Austin, la regina dei frills, con cui ho avuto il piacere di scambiare due chiacchiere in inglese. E’ stato un vero piacere conoscerla e partecipare al suo workshop.
 

 

 

 Maggie I love you and your cakes!
 
La Live Competition ispirata al Mondo Disney Paris in diretta completamente aperta al pubblico ha visto in gara due squadre che hanno dovuto creare una torta vera completamente decorata in pasta di zucchero partendo da zero in sei ore di tempo.
 

 

 

 

 

Complimenti per le loro creazioni ma la squadra Team 2 vincitrice con questa stupenda creazione Slinky Dog
 
 segue questa stupenda creazione It’s a small World

 

 
Una grandissima novità del 2013 è stata caratterizzata dalla gara Gingerbread Competition, una stupenda esposizione di casette in pan di zenzero decorate con tanta fantasia, complimenti a tutti, un profumo intenso di zenzero tra decori unici!
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
la VINCITRICE DEL CONTEST! complimentissimi

 

 
Tra le torte in gara in esposizione per il concorso a tema LOST IN SUGARLAND con tante torte a tema Disney Principesse e Personaggi Disney, torte con fiori, torte in movimento stile Cake Boss. 
Complimenti a tutti i creatori di queste splendide torte, siete degli artisti!
 
Cominciamo con la SEZIONE WEDDING
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 SEZIONE FIORI

 

 

 

 

 La composizione vincitrice della sezione fiori

 

 SEZIONE STATUINE DECORATIVE

 

 
SEZIONE EROI DISNEY

 

 

SEZIONE COPPIE DISNEY 
 
 

 

 

Nell’ambito della fiera c’erano tantissimi stands espositivi tra questi uno dei pù grandi quello di Maisone Madeleine, la padrona di casa 
 

 

 
Il re dei fiori, Alan Dunn in piena attività con il suo corso

 

 

The Cake Show ha dato anche la possibilità ai nuovi negozi di Cake Design di pubblicizzarsi con mini stands e vendita dei loro prodotti, guardate questi bellissimi cupcakes… che sono finiti in meno di mezza giornata 🙂

 

 
Un mega saluto da questa bellissima fiera profumatissima di zucchero ed arte, ogni volta mi brillano gli occhi guardando queste creazioni spettacolari e ogni volta torno a casa con qualcosa in più arricchendo la mia passione per il Cake Design!
 
Per altre info sulla prossima edizione potete cliccare sul sito  http://www.thecakeshow.it/
 
Vi lascio anche qualche foto della splendida città di Bologna che vi ha deliziato con i suoi piatti: la pasta a mano, le lasagne, i tortellini, la tigella, il crescentino, i salumi e la mitica mortadella…
e i suoi splendidi portici dove non ti stanchi mai di camminare fino a raggiungere la torre più alta della città da cui ammirarla da 100 metri di altezza.
 

 

 

 

 

 

 Ciao Bologna alla prossima!
 
 

Tutti pronti per il “The Cake Show” di Bologna?

Ciao a tutti!
Domani si aprono le porte del Cake Show, uno dei più grandi eventi nazionali del Cake Design Italiano organizzato da Maison Madeleine che si svolgerà a Bologna Fiere per tre giorni.
 
 
 The Cake Show ospiterà artisti di fama nazionale e internazionale del Cake Design, un vero e proprio Spettacolo tutto a tema zucchero.La manifestazione comprenderà:

  • corsi di Sugarcraft e Pasticceria
  • workshops di pastry e Sugarcraft
  • il grande Teatro di sugarcraft (veri e proprio demo-live con posti a sedere dove i più grandi maestri si susseguiranno in tante dimostrazioni)
  • il teatro di di pastry & bakery (demo live di pasticceria)
  • area Competizioni (Lost in SugarLand, Live Team Competition e Gingerbread Competition)
  • area Discovery ( per far scoprire il mondo del Cake Design ai più piccoli)
  • area Bakery ( per i nuovi laboratori di Cake  Design dove sarà possibile gustare le varie creazioni)
  • area Stand Espositori

 

Tra i vari ospiti internazionali vale la pena citare Alan Dunn, il mago dei fiori, la regina dei frills Maggie Austin ed il pasticciere francesce nominato The Cake Boy Eric Lanlard.
 
Per ulteriori info vi invito a visitare il sito ufficiale http://www.thecakeshow.it/ 
ce ne è per tutti i gusti!
 
noi ci rivediamo presto con il mio fotoracconto direttamente da Bologna…
Michy blogger al lavoro anche nel week end!
stay tuned!

 

Intervista alla Cake Designer Letizia Grella al ‘Caffè con il Blogger’ del Cake Fest Italia 2013

Prosegue il mio racconto del Cake Fest 2013,
e come vi avevo preannunciato, ho avuto il piacere di intevistare una grande maestra del Cake Designer Italiano, Letizia Grella.
 L’intervista si è svolta domenica 27, l’ultima giornata del Cake Fest, in un ambiente molto carino, nel Caffè dedicato agli incontri, alle chiaccherate e al relax. “Al caffè con il Blogger” Letizia ci ha raccontato della sua più grande passione e del suo percorso nel mondo 
delle torte decorate in pasta di zucchero. 
Vorrei ringraziarla per la sua disponibilità e per il tempo trascorso con me ed il pubblico al caffè nonostante i mille impegni della giornata, per la sua estrema gentilezza e semplicità che la distinguono moltissimo nella sua professione.
Vi lascio all’intevista, buona lettura!
 
 

 

“Letizia Grella da sempre innamorata del mondo della moda,
dell’arte si avvicina al mondo del Cake Design durante la sua permanenza negli
Stati Uniti a New York, da qui si apre la sua strada verso il mondo del dolce e
della decorazione, diventando una delle cake designer più glamour in Italia. Il
suo stile, che unisce la tradizione italiana al mondo eccentrico americano, è
equilibrato, elegante e glam. Ogni sua torta è una creazione senza eguali
capace di emozionare…”
 

1. Letizia, cominciamo con
una domanda che può sembrare banale ma comunque importante per parlare di te e
raccontare la tua storia… parliamo dei tuoi esordi…  come hai iniziato il
tuo percorso di Cake Designer e cosa ti ha spin
to maggiormente ad intraprendere questa strada?                                                                                          

-Tutto è nato negli Stati
Uniti per gioco poiché all’epoca quando mi sono innammorata di questo mondo il
cake design non era ancora conosciuto in Italia. E’ nato tutto da una grande
passione, ho cominciato a fare queste cose per divertimento ed in famiglia. Mi
piaceva molto ed ho cominciato a frequentare dei corsi che non erano
finalizzati a qualcosa in particolare, solo al piacere di apprendere e quando è
scoppiato il fenomeno anche nel nostro paese io mi sono sentita pronta avendone
già acquisito le basi.

2.Durante il tuo periodo in America c’è stata
un’influenza di qualche Cake Designer in particolare? Se sì quale e chi ti ha
più ti ha ispirato o da chi hai appreso di più?  
         

– Si
ce ne è stata una in particolare, quella di Colette Peters. Per quanto io e lei
abbiamo generi diversi , mi ha subito affascinato. Ci sono altri grandi maestri
che amo ma preferisco il suo stile, anche se barocco, lei mi ha insegnato
numerose tecniche. Di recente è anche venuta a trovarmi a Roma nella mia
Bakery.

3.Dopo il tuo periodo negli Stati Uniti cosa ti ha
spinto ad aprire la tua Glam Bakery “Una fetta di torta” in Italia e più
precisamente a Roma quando il Cake Design in Italia era ancora poco conosciuto?
Ricordiamo che sei stata una delle prime a diffondere il Cake Designer in
Italia. 
                                                                             

Questa Glam Bakery è tutt’oggi una
scuola dove svolgo dei corsi professionali. Appena decisi di aprire non nego
che ho avuto tantissima paura, ho aperto questa attività contro la volontà di
tutti, erano molto scettici e quando mi dicevano “come puoi
pensare che un laboratorio possa mantenersi solo con le torte decorate in pasta
di zucchero, ci sono tante spese di esercizio, investimenti vari… ” io
rispondevo “lo so bene, ma sento che non è solo quello, c’è qualcosa dietro di
più grosso” . Forse è stata una forma di preveggenza oppure credo che avendo
vissuto negli Stati Uniti avevo visto molto lontano, vedevo il mondo come si
muoveva intorno a questo fenomeno.

  
4.Le tue creazioni si distinguono sempre per
eleganza e per quel tocco di raffinatezza che sono tipiche di Letizia Grella, a
cosa ti ispiri in particolare?                

Grazie, questo che stai
dicendo è una cosa bellissima perché fino a qualche tempo fa i paragoni che si
potevano fare per il Cake Design erano con gli artisti stranieri. Questo che
dici mi fa piacere ed è un onore per me ma anche per l’Italia, perché il mio
stile è riconoscibile insieme ad quello di altri artisti italiani come quello
di Renato Ardovino e questo significa che siamo diventati bravi e abbiamo messo
un grande impegno in questo lavoro. Io sostengo sempre che quando una cosa ha a che fare con la creatività e con la fantasia ed arriva in mano agli
italiani il successo è assicurato, vedi la moda in cui noi ci distinguiamo per
lo stile e siamo conosciuti anche all’estero. Sono contenta che anche in questo
campo ci stiamo distinguendo.

5. Quale è stata la richiesta di torta decorata in
pasta di zucchero più complicata che hai ricevuto in questi anni di
attività? 
                                                                    
             

– È stata una richiesta di una torta
spettacolare per un matrimonio a Ravello di una coppia di russi, loro volevano
qualcosa di alto ed enorme, una torre la torre di Pisa. In quel momento ho
capito che la Torre di Pisa forse è il monumento italiano che più identifica
l’Italia all’estero. Ho cercato di far capire alla coppia che il soggetto era
troppo specifico per una regione… e quindi ho cercato di distoglierli dalla
scelta. Quindi quando loro hanno chiesto quale fosse il monumento più
rapprensentativo dell’Italia io ho risposto che l’Italia è piena di monumenti di
storia ed in particolare di colonne greco romane, quindi ho rappresentato
queste colonne dove sotto c’era un cuore spezzato in due. Ho creato due torte
che dovevano combaciare e rappresentare un cuore intero, progetto elaborato,
partendo dal vassoio che doveva essere tagliato a misura. L’entrata della torta
inoltre è stata molto scenografica poiché all’arrivo e all’unione delle due
metà lo sposo è arrivato con una vespa congiungendosi alla sposa che lo
aspettava, molto bello e suggestivo.

6.Sei più propensa a preparare torte all’italiana
(pan di spagna con creme tipo pasticciera o panna) o torte english style
(compatte e morbide con crema al burro)? Inoltre pensi che sia possibile un
connubio tra torte italiane e pasta di zucchero soprattutto quando si tratta di
torte più elaborate o a piani? 
                                        

– Non c’è una cosa che è più buona o più cattiva, sono due
gusti di palato diversi, vero è che  quando lavoriamo l’inglese con i
nostri ingredienti viene un prodotto buono, autentico. Se una torta
è piccola su un piano si può lavorare e decorare all’italiana, se una torta deve essere scolpita e deve essere decorata per ore è preferibile
utilizzare l’inglese
.

7.Gli Italiani sono molto esigenti in materia di gusto
e di dolci, quindi spesso vedono le torte decorate con pasta di zucchero come
“Belle da vedere, di meno da mangiare” cosa ne pensi e quali suggerimenti
daresti a chi si accinge alla preparazione di queste torte per creare il
connubio perfetto? Quale è la tua torta preferita in fatto di abbinamenti tra
basi e creme?                                                             
                                

– Io credo che se
lavoriamo con attenzione ingredienti di prima qualità ed utilizziamo prodotti
eccellenti le torte sono sempre buone. Ho avuto una piacevolissima scoperta
quando sono stati proprio i giovani a farmi capire che c’era una sorta di
inversione di tendenza. Infatti ho fatto molte torte per i 18 anni con basi e
creme inglesi, al cioccolato e quando le mamme mi dicevano non era mai capitato
che una torta finisse ad una festa ho capito tutto ciò. Ho avuto l’onore e la
fortuna di presentare per due volte al galà delle Stelle, dove sono presenti 54
Chefs stellati e la prima volta mi sono presentata con una torta decorata in
pasta di zucchero ma con l’interno all’italiana perché era veramente presto e
si incominciava  appena a parlare di cake design mentre il secondo ann ho
presentato una torta all’inglese che è stata molto apprezzata. 

8. Ingrediente e utensile indispensabile nel tuo
laboratorio di dolci.
                                   

– Posso dirlo? La mia Planetaria Kitchen Aid.

9.Una delle torte classiche italiane che preferiresti
ricevere in regalo per il tuo compleanno,”La torta che vorresti”?  
                                                                         
 

 – Una semplice torta di mele.

10.Passiamo invece a parlare della tua evoluzione in questo
campo, infatti La tua grande notorietà si è riscontrata ogni anno di più nella
creazione dei tuoi libri. Dopo “La torta che vorrei. L’arte italiana del
cake design” (2010)
, che è stato uno dei primissimi libri sul Cake Design
in Italia nel 2010, hai avuto la massima ispirazione con il libro “Wedding
Cakes”
dove hai introdotto il tuo pubblico al romantico mondo delle torte
nunziali. Mentre recentissima (qualche giorno fa) è l’uscita della tua ultima
opera “La Torta che vorrei for Kids”, cosa ti ha portato alla creazione
di questo nuovo libro rivolto al magico mondo dei bambini?                                                                
 

– Quando ho pubblicato
“La
torta che vorrei” ancora nessuno parlava della tecnica e
delle basi del Cake Design, quindi pensai di fare un libro sulla tecnica di
torte decorate in modo semplice.  Successivamente ho ricevuto dei commenti
su questo libro che dicevano che era troppo semplice e non rappresenta
l’artista e negli anni successivi quandi ho deciso di creare “Wedding
Cake” dove ho creato delle torte unpò piu elaborate diverse pur rimanendo
nella semplicità poichè sono dell’idea che un libro deve insegnare, quindi deve
essere alla portata di tutti e con la semplicità possiamo fare lo stesso torte
di effetto. Però l’amore per “La torta che vorrei” è rimasto e quindi
ho creato una nuova versione “La torta che vorrei, Kids” un’ idea di
torte per bambini cogliendo piccoli oggetti o figure che rappresentano il loro
mondo come le lettere di legno, la carta da parati con le pecorelle etc… 

11.Come vedi il futuro del Cake Design in Italia e pensi che
sia importante creare la figura del decoratore di torte in Pasticceria? 
                                                                   

E’ una domanda importante ed punto di discussione
frequente. Vorrei solo ricordare che noi questo fenomeno lo stiamo solo chiamando
con un nome diverso da quello che si verificava negli anni 50-60 quando ogni
pasticceria aveva un decoratore. Basti ricordare per esempio la pasticceria
siciliana con la sua torta martorana , in pasta di mandorle e ghiaccia reale.
Io stesso  ho fatto un corso di ghiaccia reale da un grandissimo maestro
italiano Graziano Giovannini e non ho avuto bisogno di andare all’estero poichè
in Italia abbiamo ottimi pasticcieri e decoratori. Il futuro ideale sarebbe
quello che un pasticciere realizzi un’ottima torta ed un grande decoratore la
faccia più bella.

12. Cosa consigli ad un Cake Designer che vorrebbe emergere in
Italia? 
 
                          
– Credo che ci sia spazio per tutti. Bisogna metterci però
un grande impegno e lavorare con serietà e con professionalità, rivolgendosi
alle strutture, appoggiandosi ai laboratori. Consiglio di rivolgersi alle
pasticcerie che cominciano ad aver bisogno di Cake Designers.


13. Letizia sei presente su vari social ed in particolare di
recente hai deciso di pubblicare video su YouTube per essere sempre al passo
con i tempi, progetti per il futuro? 
     
                                                                                                                           
La passione della decorazione mi ha
portata verso un’altra passione quella dell’insegnamento, mi piace trasmettere
ed insegnare, spiegare, e con YouTube ho fatto dei tutorials… di progetti
futuri c’è ne uno carino che riprenderà un pò uno passato, però noi adesso
manteniamo il segreto ancora per un po’…

                                                             

grazie Letizia! 

 

 
 
 
Ci salutiamo con una bellissima foto dove Letizia mostra il suo nuovo libro
” La Torta che vorrei, Kids”
Vi mostro anche le splendide torte che Letizia ha realizzato con le sue corsiste ispirate agli splendidi vestiti di Passaro Sposa che erano in esposizione nel salone del Cake Fest 

 

 Vi ricordo che potete seguire Letizia Grella sul suo sito http://www.letiziagrella.it/
e sui vari social networks.

Cake Fest Italia 2013: racconto di una giornata al Festival Internazionale del Dolce d’Autore

Come vi avevo preannunciato in uno dei post precedenti, la scorsa settimana si è svolta la prima edizione del Cake Fest Italia, il Festival Internazionale del dolce d’Autore che si è tenuto per tre giorni in una location d’eccezione, il Real Belvedere di San Leucio a Caserta.
Entusiasta per la manifestazione di Cake Design che dopo il Cake Design Week si svolge finalmente al sud in un contesto in cui si valorizza anche il territorio, ma ancor di più per la mia partecipazione come Blogger all’evento di Domenica pomeriggio “Al Caffè con il Blogger” in cui ho avuto il piacere di intervistare una delle più grandi esponenti del Cake Design italiano, la maestra Letizia Grella. L’intervista sarà riportata in seguito sul mio blog, per ora vi mostrerò le foto che ho scattato la giornata di domenica… una giornata ricca di workshops, corsi, demo live e tanto zucchero, professionisti del settore e l’arte come tema principale.
 
Ringrazio di cuore Simona di Cake Design Italia per aver organizzato questo evento e per avermi invitata come blogger nell’ambito di questa manifestazione.
 
Il bellissimo Borgo di San Leucio è noto per il complesso monumentale e per l’arte antica di tessere la seta, all’interno trovate anche il Museo della Seta
 

 

 

 

La giornata comincia a piazza del Real Belvedere, molto suggestiva… il panorama davvero bello…
Vado subito a ritirare il badge per identificarmi nell’Area Stampa nello staff del Cake Fest 🙂
 

 

Nell’ambito della manifestazione sono stata esposte tantissime torte in pasta di zucchero di noti Cake Designers, creazioni meravigliose
 
 
Malvarosa Edizioni

 

La Belle Aurore

 

Demo Live a Scuola di Cake Design

 

Il maestro Krueger lavora e modella il cioccolato

 

Demo live di Party e Cake store

 

Demo live della scuola di cucina I Cook you
 Vicino a questo artista dello zucchero soffiato mi sono letteralmente incantata, la sua manualità e la sua arte sono uniche, grandissimo Maestro Emmanuele Forcone ha creato una scultura in zucchero soffiato, sembra un pezzo unico di Murano 🙂
 

 

 

 Qui ci troviamo invece nell’area dedicata a Passaro Sposa dove si è svolto anche il corso in collaborazione con Letizia Grella dedicato alle Wedding Cakes ispirate ai vestiti
 

 

 

 

Creazioni golose da indossare
 
Letizia Grella in piena attività con le sue corsiste
 
 
 
 

 

Creazione floreale di Mina Perna

 

 

Raffaele Cakes modella un puffo

 

        Creazione di zucchero e cioccolato, della scuola Dolce e Salato, i fiori sono stati creati da Perna Mina
Nell’ambito della manifestazione c’era anche uno spazio dedicato all’esposizione di torte di Cake Designer emergenti, complimenti a tutte!

 

 

 

 Alcune foto della location dalle varie aree dell’edificio monumentale
 

 

 

 

 

 Questa è una delle mostre più belle della manifestazione, quella delle torte in gara completamente dedicate al tema “L’amore nelle grandi opere d’arte”, creazioni favolose in versione XL
 
 

 

 

 Questa è la torta vincitrice creata da La Belle Aurore
originalissima! complimenti!
 

 

 
 le seguenti torte sono state create da noti Cake Designer e come tema c’è sempre quello dell’arte
 

 

 
Creazione di Teresa Insero

 

                                                                                     Queste due foto sono della creazione in cioccolato plastico creata dal maestro Stefan Krueger
meravigliosa e spettacolare, altezza e un profumo di cioccolato esagerati!

 

 Ho avuto anche il piacere di seguire un worlshop del maestro Krueger e la bravissima Cake Designer MG Sugar Cake
 

 

Dolce e Salato, scuola di cucina
 Di seguito le torte create per il Corso Wedding Cake in collaborazione con
 Passaro Sposa e Letizia Grella

 

 

 

 

La fantastica artista di Arsenico e Vecchi Merletti Jade Hudson 

 

 Foto d’obbligo con due artiste Cake Designer Campane che stimo moltissimo per la loro bravura e Creatività, Perna Mina di Mina cakes e Cecilia Sugart
 

 

Un’altra creazione di rilievo che mi ha colpito molto è la casa si di marzapane creata da Elena Michelizzi, la casa dei sogni di ogni bambino… uhmm anche di noi grandi! 

 

 

Di seguito potete notare la fantastica creazione di Cecilia, Il Cuore nell zucchero e le meravigliose bamboline di Le Belle Aurore, modelling e perfezione!

 

 

Creazione delle Cake Designers della Scuola Dolce e Salato


Nel primo pomeriggio come vi dicevo ho intervistato Letizia Grella, vi lascio una piccola foto in prewiev e mi raccomando non perdete l’intervista nel prossimo post!
 
 
Domenica a fine giornata ci sono state le premiazioni delle torte vincitrici dei vari Contest in gara al Cake Fest, vi lascio alcune foto e ci vediamo alla prossima edizione zuccherosa!
complimenti a tutti!
 

 

 

 

 

 

 

I vincitori del Contest “L’amore nelle grandi Opere d’Arte” i ragazzi di Le Belle Aurore
 

Cake Fest Italia, il Festival Internazionale del Dolce d’Autore a Caserta

Finalmente ci siamo…
a brevissimo partirà uno degli eventi più attesi del Cake Design nel sud Italia.
 
 
Il Cake Fest è la prima edizione del Festival Internazionale del Dolce d’Autore, il festival del Cake Design in stile Glamour organizzato da Massimiliano Ottolini, Event Planet e Cake Design Italia.
Il CAKE FEST si svolgerà nei giorni

25, 26 e 27 OTTOBRE 2013  a CASERTA, REALE BELVEDERE DI SAN LEUCIO
 
 Caserta belvedere b
Come si può leggere dal sito  http://www.cakefestitalia.com/ il CakeFest Italia è un appuntamento unico interamente
dedicato al mondo del Cake Design e della pasticceria, alla creatività
ed al confronto tra le varie tecniche ed i diversi stili dei migliori
Cake Designer e SugarArtist italiani e internazionali. L’evento prevede un programma ricco di iniziative che si svolgeranno in varie aree. 
Per l’occasione, infatti, la Sale del Castello e i giardini stessi
diventeranno il palcoscenico immaginario sul quale rivivranno i fasti
della Bella Epoque, quando le grandi capitali europee
vissero quel periodo di pace e prosperità che precedette la prima guerra
mondiale. Un periodo di importanti scoperte ed innovazioni tecnologiche
che lasciava sperare in un nuovo secolo, il Novecento, ricco di
benessere. Gli anni in cui nacquero il cabaret, il can can, il cinema e
l’arte prendeva nuove forme con l’impressionismo e l’art noveau. Quando
gli abitanti delle città avevano scoperto il piacere di uscire, anche e
soprattutto dopo cena, di recarsi a chiacchierare nei caffè letterari e
assistere a spettacoli teatrali. I saloni, i giardini e i viali del Castello rivivranno, nei tre
giorni del CakeFest Italia, i colori, i sapori e le emozioni della Belle
Epoque: manifesti pubblicitari, vetrine con merci di ogni tipo,
eleganti “magazzini”, ogni oggetto e ogni luogo diverrà un’elegante
decorazione, un motivo floreale, una linea curva e arabesca…per
cullare le dolci creazioni d’autore ed appagare a pieno gli occhi dei visitatori.
Tra i maggiori rappresentanti del Cake Designer Italiano troveremo i seguenti artisti  che svolgeranno interessantissimi corsi e workshops,
per il PROGRAMMA DETTAGLIATO potete visitare la pagina al seguente link
 http://www.cakefestitalia.com/il-programma/dettagli-programma.html
Mary Torte 
                Mary Presicci (Mary Torte)
 
Nell’ambito della manifestazione ci saranno anche dei Contest tra cui uno organizzato da Passaro sposa Wedding Style, L’esposizione universale del Cake Design, L’amore nelle grandi opere d’arte ed un contest molto carino di frasi per condividere un vostro momento emozionante “Condividi un Emozione” su cui poi verranno create delle torte a tema.
Inoltre ci sarà un piacevole incontro al Caffè con L’Autore, un piacevole scambio di chicchiere ed interviste con gli artisti del Cake Design.
Sarà impossibile mancare a questo evento! 
Ci vediamo al Cake Fest, dove sarò presente in versione Blogger  !
 
Michy
CONSIGLIA Torta di mais

Send this to a friend